Home | Privacy  | Modalità d'uso  | Link consigliati

Questo sito Web utilizza il software Macromedia®FlashTM. La versione in uso di Macromedia Flash Player non è aggiornata e non può riprodurre il contenuto creato.

Scaricare e installare la versione più recente? L'operazione richiede pochi minuti.
 Perugia
 Gubbio
 Todi
 Orvieto
 Montefalco
 Spoleto
 Cascia
 Norcia
 Torgiano
 Spello
 Trevi
 Volare ad Assisi
 Scopri l'Umbria in Spider
 Assisi in Bicicletta
 Visite Guidate
 Cascate delle Marmore
 Santuario La Verna
 Grotte di Frasassi
 Previsioni meteo Assisi
 Previsioni Meteo
 Assisi Web Cam
 Cucina Umbra
 Piatti Tipici
 Ristoranti Consigliati
 La Strada dell'Olio
 La Strada del Sagrantino
 Parco dei Monti Sibillini
 Parco del Trasimeno
 Parco Fluviale del Tevere
 Parco del Monte Cucco
 Parco del Monte Subasio
 Parco di Colfiorito
 Assisi Channel
 Teatro Lyrick
 Unesco Assisi
 La Mattonata di Assisi
 Assisi Endurance
 Il Cammino di Assisi
 Assisi Second Life

STRUTTURE CONSIGLIATE DA HOTELASSISI.COM
   

     
 
    Piazza del Comune  

E’ una questione a lungo dibattuta, e non ancora risolta per la mancanza di una campagna di scavi sufficientemente estesa, se lo spazio al di sotto dell’attuale piazza del Comune ospitasse l’antico Foro del Municipio romano, oppure un Santuario di tipo ellenistico a terrazze, sul genere del tempio della Fortuna Primigenia a Palestrina. Per la natura scoscesa del luogo, l’ampia terrazza era sostenuta a valle da un muro ubicato in corrispondenza dell'attuale via dei Macelli vecchi. Il lato a monte era limitato da un poderoso muro di sostruzione in opera quadrata, alto circa otto metri, posto alle spalle del tempio. Quest’ultimo dominava la piazza dall’alto di una stretta terrazza, collegata da colonne doriche, che ospitava dalle tabernae. Alle estremità erano due fontane monumentali, forse legate ad un culto originario dei Dioscuri, ai quali era dedicata una edicola tetrastila posta al centro della piazza.

Dopo la crisi del Municipio romano, l’area venne devastata nei rovinosi assedi di Totila (545) e di Carlo Magno (773), ricordati dalla cronaca trecentesca da fra’ Elemosina. Con l’abbandono, la piazza si venne colmando di macerie, causa del vistoso innalzamento del piano di calpestio, rimesso in luce nel 1836, a oltre tre metri sotto il piano attuale. Era ingombra di edifici signorili e religiosi, che si affacciavano su uno slargo ricordato nella documentazione medievale come la platea mercati. La piazza riacquistò la sua centralità con la nascita del libero Comune seguita ai moti del 1198, durante i quali furono abbattute le case dei boni homines ivi esistenti. Col trasferimento della sede comunale avvenuta nel 1212, la piazza prese il nome di platea comunis, o platea populi. Nel 1228 si offrì l’occasione per ampliarne i confini verso il monte, a danno dei canalini che l’ingombravano, in coincidenza della canonizzazione di s. Francesco, proclamata nella nuova piazza del Comune alla presenza di Gregorio IX.

La piazza assunse la sua definitiva fisionomia con la costruzione dei palazzi comunali nel lato a valle. Nel 1881 furono abbattute alcune case, che la limitavano nel lato orientale, per creare uno scorrimento carrozzabile più agevole, corrispondente con l’attuale via S. Gabriele dell’Addolorata.

Sulla moderna pavimentazione (1988) sono stati tracciati con lastre di travertino i limiti del muro su cui poggia il tempio, il basamento prospiciente e il tetrastilo.
La piazza del Comune deve la sua unicità al c.d. Tempio di Minerva, uno degli esempi meglio conservati dell’architettura sacra romana, che ha attirato per secoli l’ammirazione dei viaggiatori per la bellezza classica delle forme, soprattutto della fronte. Giotto lo ha reinventato nel primo episodio del ciclo francescano. Palladio lo ha inserito tra i più illustri esempi dell’architettura antica nel suo celebre trattato I quattro libri dell’architettura. Giovanni Antonio Antolini fu il primo a dedicargli in età moderna uno studio storico e filologico. Ma certamente, tra le innumerevoli memorie dei personaggi che lo hanno visitato, la pagina del Viaggio in Italia di Wolfgang Goethe è tra le più vive e appassionate, per la profonda impressione che l’edificio suscitò nello scrittore tedesco, in visita ad Assisi il 26 ottobre 1786.

Testi Gentilmente offerti da: Editrice Minerva Assisi

 
     
 Assisi
 Come raggiungere Assisi
 Storia di Assisi
 La città di Assisi
 San Francesco
 La vita di San Francesco
 La Regola
 Cantico delle Creature
 Spititualità Francescana
 Le Chiese di Assisi
 Basilica di San Francesco
 Basilica di Santa Chiara
 Cattedrale di San Rufino
 Santa Maria degli Angeli
 San Damiano
 Eremo delle Carceri
 Abbazia di San Pietro
 Santuario di Rivotorto
 Chiesa Nuova
 Santo Stefano
 San Benedetto
 Sant' Antonio
 Sant' Apollinare
 San Giacomo
 San Lorenzo
 Santa Maria delle Rose
 Santa Maria Maggiore
 I Monumenti di Assisi
 Piazza del Comune
 Torre del Popolo
 Tempio della Minerva
 Anfiteatro Romano
 Palazzo Capitano del Popolo
 Rocca Maggiore
 Fonte Piazza del Comune
 Rocca Minore
 La Festa del Calendimaggio
 Micrologus
 Assisi in Festa
 Sbandieratori
 Balestrieri
 Gruppo Danza Medievale
 Partners HotelAssisi
 Scambio link
 Link Amici
 Parcheggio di Mojano
 Guide in Umbria
 Autonoleggio Assisi
 Acquazzurra
 Le Piccole Cose