Home | Privacy  | Modalità d'uso  | Link consigliati

Questo sito Web utilizza il software Macromedia®FlashTM. La versione in uso di Macromedia Flash Player non è aggiornata e non può riprodurre il contenuto creato.

Scaricare e installare la versione più recente? L'operazione richiede pochi minuti.
 Perugia
 Gubbio
 Todi
 Orvieto
 Montefalco
 Spoleto
 Cascia
 Norcia
 Torgiano
 Spello
 Trevi
 Volare ad Assisi
 Scopri l'Umbria in Spider
 Assisi in Bicicletta
 Visite Guidate
 Cascate delle Marmore
 Santuario La Verna
 Grotte di Frasassi
 Previsioni meteo Assisi
 Previsioni Meteo
 Assisi Web Cam
 Cucina Umbra
 Piatti Tipici
 Ristoranti Consigliati
 La Strada dell'Olio
 La Strada del Sagrantino
 Parco dei Monti Sibillini
 Parco del Trasimeno
 Parco Fluviale del Tevere
 Parco del Monte Cucco
 Parco del Monte Subasio
 Parco di Colfiorito
 Assisi Channel
 Teatro Lyrick
 Unesco Assisi
 La Mattonata di Assisi
 Assisi Endurance
 Il Cammino di Assisi
 Assisi Second Life

STRUTTURE CONSIGLIATE DA HOTELASSISI.COM
   

     
 
    Abbazia di San Pietro  

Orari Visita:
Ora Solare: 8.00 > 18.00
Ora Legale: 8.00 > 19.00

La parte finale di via Borgo S. Pietro costeggia l’omonima abbazia benedettina, offrendo una veduta del tiburio e del campanile romanico, e sbocca nel sagrato dell’abbazia di S. Pietro.
Una chiesa extraurbana dedicata a S. Pietro è documentata sin dal 1029; apparteneva ad una comunità benedettina, che attorno alla metà del sec. XII adottò la riforma cluniacense, per poi passare a quella cistercense. L’edificio attuale risale al sec. XII; nel 1253 fu consacrato da Innocenzo IV. La parte alta della facciata venne ricostruita nel 1268, al tempo dell’abate Rustico, come recita una lunga iscrizione incisa nella cornice marcapiano: PASTOR PETRE GRECIS CHRISTI FIDELISSIME REGIS. HIC FIDEI PURE POPULUS STANS SIT TIBI CURE. HOC OCTO SEXQUE DENI. TEMPORE ABBATIS RUSTICI.

La splendida facciata, dalle fattezze regolari ispirate ad esempi del romanico spoletino, è divisa in due ordini da una cornice di archetti pensili, motivo che ritorna all’esterno dell’abside, e tripartita da lesene. Il portale mediano è ornato da due leoni, con gli stipiti decorati da una fascia a racemi che continua nell’architrave e nell’arco di scarico, e da sottili colonnine con capitelli zoomorfi uniti da una cordonatura; un secondo archivolto presenta teste animali nell’imposta e nel colmo. Nella metà superiore, in asse con i portali, si aprono tre magnifici rosoni fortemente strombati, quello centrale è a due ordini di colonnine. La facciata terminava con un timpano, abbattuto dopo i danni provocati dal terremoto del 1832.

L’interno è a tre navate divise da robusti pilastri rettangolari; la navata centrale ha una copertura con travature lignee sorrette da arconi ogivali, quelle laterali hanno volte a botte. Il presbiterio, è rialzato con 5 gradini per la presenza di una cripta (non visitabile), coperto da una cupola formata da 31 file concentriche di conci aggettanti, motivo forse di origine provenzale. Le pareti sono state messe a nudo durante il radicale restauro del 1954, che ha portato all’abbattimento degli altari barocchi. A s. dell’ingresso è l’accesso alla cappella del Rosario, per secoli utilizzata come sede della parrocchia ma attualmente chiusa per restauro; sull’altare, ricostruito nel 1831, è una tela della Madonna del Rosario (1611). Alla controfacciata della chiesa sono addossati due monumenti funebri appartenuti alla famiglia Soldani; a s. è quello di Jolo Soldani, datato 1337. altri 4 monumenti di simile fattura sono addossati ai lati del presbiterio; uno di questi ospita una statua in ceramica della Vergine, fatta nel 1981 da Francesco Vitali.

Sotto l’altar maggiore è un sarcofago alto medievale con il corpo di s. Vittorino Martire, terzo vescovo di Assisi e coprotettore della città. In una cappella a s. dell’abside, coperta a crociera, resto dell’antica prothesis, sono alcuni affreschi frammentari della metà del sec. XII, di cultura federiciana, con Santi e una fascia con scene di caccia.

Nella cappella del Sacramento, sulla testata del transetto s., sono l’Annunciazione, la Madonna col Bambino, un S. Vittorino di Pace di Bartolo( metà sec. XIV) e un affresco staccato con S. Benedetto tra due santi, ridipinto nel sec. XVII. Attraverso una porta a d. del presbiterio si accede alla sacrestia, corrispondente all’antico diaconicon.

Testi Gentilmente offerti da: Editrice Minerva Assisi

 
     
 Assisi
 Come raggiungere Assisi
 Storia di Assisi
 La città di Assisi
 San Francesco
 La vita di San Francesco
 La Regola
 Cantico delle Creature
 Spititualità Francescana
 Le Chiese di Assisi
 Basilica di San Francesco
 Basilica di Santa Chiara
 Cattedrale di San Rufino
 Santa Maria degli Angeli
 San Damiano
 Eremo delle Carceri
 Abbazia di San Pietro
 Santuario di Rivotorto
 Chiesa Nuova
 Santo Stefano
 San Benedetto
 Sant' Antonio
 Sant' Apollinare
 San Giacomo
 San Lorenzo
 Santa Maria delle Rose
 Santa Maria Maggiore
 I Monumenti di Assisi
 Piazza del Comune
 Torre del Popolo
 Tempio della Minerva
 Anfiteatro Romano
 Palazzo Capitano del Popolo
 Rocca Maggiore
 Fonte Piazza del Comune
 Rocca Minore
 La Festa del Calendimaggio
 Micrologus
 Assisi in Festa
 Sbandieratori
 Balestrieri
 Gruppo Danza Medievale
 Partners HotelAssisi
 Scambio link
 Link Amici
 Parcheggio di Mojano
 Guide in Umbria
 Autonoleggio Assisi
 Acquazzurra
 Le Piccole Cose